fermenti latticiFermenti Lattici

Quando si instaura una condizione sfavorevole, il normale equilibrio tra batteri buoni, detti eubiotici, e dannosi, detti patogeni, viene alterato a favore di questi ultimi. In simili situazioni una terapia a base di fermenti lattici ad attività  probiotica è in grado di contribuire al riequilibrio della normale flora batterica.

I Latobacilli sono ospiti abituali dell’intestino umano. Alla pari di altri fermenti lattici, come i Bifidobatteri, sono resistenti all’azione digestiva e sono inoltre utilizzati per riequilibrare le funzioni intestinali, rinforzare le difese immunitarie e coadiuvare l’azione degli antibiotici.

Questi fermenti lattici hanno la capacità di arrivare vivi sino all’intestino, di aderire agli enterociti (che costituiscono la mucosa intestinale), e di impedire così la proliferazione dei ceppi batterici patogeni sottraendo il loro nutrimento, occupando i possibili siti di adesione alle pareti intestinali, o producendo sostanze antibiotiche attive che ne inibiscono la replicazione.

Ad esempio si è visto che il Lactobacillus plantarum ed il Lactobacillus fermentum sono in grado di produrre diverse ed importanti batteriocine e di stimolare positivamente la risposta immunitaria, oltre che presentare proprietà anti-infiammatorie o antimicrobiche, analogamente al Lactobacillus rhamnosus che è anche utilizzato nel trattamento della diarrea associata all’uso di antibiotici.

La loro somministrazione assieme al cacao ne aumenta la sopravvivenza nel tempo.

 

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian