calendulaCalendula – Calendula officinalis L.Asteraceae (Compositae)

Originaria dell’Europa, Nord Africa e Asia mediorientale è una pianta erbacea annuale con fiori simili a grandi fiori di margherita riuniti in capolini terminali di colore giallo-arancio brillante.

L’estratto dei fiori è ricco in saponine tripterpeniche, prevalentemente glucosidi dell’acido olenolico, alcoli triterpenici liberi ed esterificati, prevalentemente faradiolo, carotenoidi, flavonoidi, polisaccaridi, steroli e sesquiterpenoidi.

Le indicazioni terapeutica della calendula sono: trattamento sintomatico delle infiammazioni lievi della cute e delle mucose; coadiuvante nella cura delle ferite minori.

L’attività antinfiammatoria è stata dimostrata in uno studio valutando l’azione su un edema indotto da olio di croton sull’orecchio di topo.

Una miscela di monoesteri del faradiolo, isolati da calendula fiori, hanno tutti mostrato una significativa attività antiedematosa. In particolare il solo faradiolo si è dimostrato persino più attivo rispetto agli esteri, con un effetto antiedematoso paragonabile a quello di una dose equimolare di indometacina.

In un altro test un estratto etanolico al 70% di calendula fiori ha provocato un effetto inibitorio nel saggio della proliferazione dei linfociti mitogeno-indotta. Questo quindi attribuisce alla calendula anche effetti immunomodulanti.

In uno studio clinico sul coniglio, il tempo necessario per la completa cicatrizzazione delle ferite sperimentali si è ridotto del 25% circa, dopo trattamento locale con idrogel contenenti il 10% di un ‘estratto secco etanolico di calendula fiori, rispetto ai gruppi di controllo trattati soltanto con il veicolo.

Un altro studio ha messo a confronto tre unguenti su 53 pazienti affetti da ustioni di secondo grado per un trattamento locale di 17 giorni. Gli ungenti sono stati: (a) ungento di calendula fiori preparato per digestione in vasellina, (b) soltanto vasellina, (c) unguento proteolitico. I parametri considerati sono stati il miglioramento dei sintomi quali arrossamento, edema, gonfiore, formazioni di vesciche, dolore e sensibilità al calore. Il numero dei successi è stato di: 37/53 per il preparato (a), 27/53 per il (b) e 35/53 per il (c).

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian