uva rossaUva rossa – Vitis vinifera L. – Vitaceae

Dai semi dell’Uva rossa si ricava un estratto ad elevata quantità di polifenoli, fra i quali quello che ha destato maggior interesse negli ultimi anni per le sue proprietà farmacologiche nella prevenzione sia dei tumori che delle Malattie CardioVascolari (MCV) è il resveratrolo.

Il resveratrolo esplica una serie di attività biologiche sia nella progressione che nella regressione dell’aterosclerosi: regola la produzione sia di vasodilatatori (come il monossido di azoto, NO) che di vasocostrittori (come l’endotelina-1, ET-1), garantendo così un loro bilanciamento ottimale per la corretta funzionalità dell’endotelio; inibisce la ciclossigenasi (COX-1), limitando così la sua attività nell’aggregazione piastrinica e nella vasocostrizione; ha un ruolo fondamentale nel ridurre l’infiammazione dell’endotelio, a sua volta strettamente correlata al progredire dell’aterosclerosi, infatti inibisce la ciclossigenasi (COX-2) (limitando così la produzione di PGE2), inibisce la produzione, il rilascio e l’adesione alle pareti endoteliali di varie interleuchine ed altri fattori coinvolti nella risposta infiammatoria; previene lo stress ossidativo cellulare causato da composti reattivi all’ossigeno (ROS), anch’esso correlato allo sviluppo dell’aterosclerosi; inibisce la perossidazione lipidica e l’apposizione del colesterolo LDL ossidato nel lume vascolare; modula l’aggregazione piastrinica mediante diversi meccanismi, contrastando così il processo trombotico, che gioca un ruolo importante nello sviluppo dell’aterosclerosi.

Non bisogna poi sottovalutare il fatto che la maggior parte delle proprietà del resveratrolo sopra descritte possono contribuire a migliorare la pressione arteriosa. Non mancano studi su modelli animali in tal senso, sia in relazione all’ipertensione polmonare che all’ipertensione sistolica .