bellis perennisBellis Perennis – Bellis perennis L. – Asteraceae (Compositae)

Bellis perennis è la pratolina o margheritina dei campi. E’ una pianta erbacea, perenne, a crescita lenta, di piccole dimensioni molto diffusa.

Gli estratti di Bellis sono costituiti da acido ascorbico, malico, fumarico, tartarico, caffeico, acetico e ossalico, resine, olio essenziale, oli grassi, zuccheri e tannini. Sono inoltre presenti inulina, mucillagini e saponine.

Attualmente non ci sono studi clinici specifici, ma per le sue proprietà antinfiammatorie alcuni autori riportano un utilizzo anche in casi di reumatismi e di gotta.

Le si attribuiscono poteri battericidi, antinfiammatori e capacità di riassorbire le ecchimosi, azione questa molto importante per lenire i dolori di contusioni e distorsioni.

Bellis perennis è un rimedio traumatologico. Deve, probabilmente, la sua azione antitraumatica a dei derivati poliacetilenici, le poliine, presenti in molte specie della famiglia delle Composite a cui appartengono, oltre che Bellis perennis, anche altre specie aventi grande applicazione nei traumi (Arnica, Calendula).

Essa agisce sulle fibre muscolari dei vasi sanguigni, perciò è indicata in casi di congestione venosa dovuta a cause meccaniche; è caratterizzata da un particolare tropismo per i tessuti profondi (muscoli, ghiandole mammarie, pareti addominali, pelvi).

In una contusione l’impatto di un corpo duro danneggia i tessuti che si trovano sotto la superficie della pelle, i capillari periferici si rompono e il sangue e gli altri fluidi cellulari filtrano attraverso i tessuti circostanti: Arnica è il primo rimedio da prendere, mentre i dolori post-traumatici possono essere curati da Bellis, la quale agisce direttamente sui tessuti muscolari e sulle fibre dei vasi sanguigni sottocutanei.

Inoltre Bellis agisce di preferenza sui vasi venosi, quindi è da preferire in casi di stasi venosa.